Anno 2021 quali scenari si prospettano per l’economia del nostro territorio

8 Feb,2021 | Senza categoria | 0 commenti

La pandemia, il lockdown e la chiusura di molte attività sottolineano l’importanza di investire nel futuro, di credere nella tecnologia e nell’innovazione e di porre i servizi al cittadino al centro dei futuri investimenti. La nostra idea di lavoro, di organizzazione aziendale, di erogazione di servizi ha lasciato spazio a dubbi e domande che oggi chi vuole investire nel territorio non può non ascoltare.

Viene meno l’idea di lavoro tradizionale, di Azienda come la abbiamo sempre pensata, di management. Cambiano le priorità, mutano le esigenze dei consumatori e quindi delle Aziende stesse. Al centro di questa grande rivoluzione  si colloca la customer management che può e deve essere rafforzata e ripensata non solo attraverso un’adeguata formazione ma anche una concreta innovazione tecnologica.  Offrire servizi e supporto a un’ampia fetta di mercato rivalutando le condizioni del lavoro stesso è la chiave di volta per un futuro potenzialmente sostenibile.

I mesi della pandemia ci hanno messo di fronte a uno scenario inimmaginabile, spetta adesso a noi farne tesoro e trovare gli spunti per riorganizzare il nostro futuro e tracciare le linee per una nuova strada da percorrere insieme. 

Fare rete, attuare un lavoro di squadra che richiami diverse realtà per sfruttare al meglio gli insegnamenti di ieri e ridisegnarli in un’ottica differente in grado di mettere il Territorio al centro degli interessi aziendali. Solo così si può auspicare a uscire da una crisi che ha lasciato domande e dubbi in chi in essa non ha saputo cogliere un’opportunità di cambiamento e rinascita. Due sono i punti cardine di una rivisitazione economica globale, da una parte le Aziende al servizio del territorio in un’ottica di potenziamento e innovazione dello stesso, attraverso la formazione di partnership in grado di offrire strumenti e risposte facilmente attuabili in un futuro prossimo. Dall’altra credere nelle nuove generazioni, nella meritocrazia, nelle idee valide che significa ridisegnare quei confini che sino ad oggi ci sembravano invalicabili.  Accompagnare in un percorso di mentorship gli imprenditori di domani, dando loro il supporto e l’adeguata conoscenza di un percorso manageriale e attuativo. Non si parla di anni, si auspica che tale “rivoluzione” possa avvenire in tempi celeri, che possa dare nuova linfa alle realtà odierne e che sappia ricostruirsi in un’ottica di sostenibilità tecnologica e aumento della produttività. Lasciare gli egoismi da parte e riuscire a credere e a saper scrivere un futuro diverso, dove saremo in grado di rispondere tempestivamente alle circostanze che cambiano e dove al centro delle Aziende si collochi l’uomo nella sua completezza personale e professionale questo il futuro del nostro territorio. Quest’ultimo è stato un anno di grandi cambiamenti e ha sottolineato l’importanza per un intero comparto aziendale e produttivo di sapersi rinnovare in tempi brevi. Ed è il tempo il grande alleato e la sfida più grande da vincere. Riuscire a rafforzare le nuove idee, concretizzarle in un breve periodo, dando vita a effetti a lungo termine sono i punti principali sui quali oggi si può e si deve fare la differenza!